Passa ai contenuti principali

“Where The End Starts”, il nuovo singolo dei Sense of Sin

"Where The End Starts", il nuovo singolo dei Sense of Sin

Sense of Sin: arriva il loro nuovo singolo "Where The End Starts" ed esce su Pop Label Records /Jaywork Music Group, una delle realtà più attive in Italia quando si tratta di dare spazio ad artisti dal background molto diverso tra loro. 

Abbiamo incontrato i Sense of Sin, band italiana che da anni propone musica di qualità assoluta. "I Sense of Sin sono nati nel 1983 nel pieno del fenomeno New Wave: il primo pezzo che abbiamo scritto e prodotto si intitolava "Moving in Silence" e fa parte, nella sua versione "aggiornata", dell'EP "Colder World" uscito all'inizio di quest'anno", spiegano. 

Quali riferimenti musicali e sonori avete? E ci raccontate come è nata "Where the end starts"?

"Where The End Starts" è un pezzo rock, scritto originariamente per la colonna sonora di una serie televisiva che poi non è andata in porto. Ha comunque radici che affondano nella cultura musicale degli anni '80/'90, nostro punto fermo di riferimento.

In che direzione sta andando la vostra scena musicale di riferimento? Sentiremo ancora produzioni che mescolano elementi nuovi a classici anni '80 '90 o ci saranno sorprese?

Tutto sommato è un buon momento: stanno riemergendo sonorità tipiche degli anni a noi cari ovviamente attualizzate. Un po' l'operazione che abbiamo fatto noi con l'EP Colder World e il brano Where The End Starts.

Com'è la scena rock a che punto è nel mondo?

Negli ultimi anni, il pop e la musica elettronica hanno dominato le classifiche e le radio, lasciando meno spazio per il rock mainstream. Tuttavia, nonostante queste sfide, la passione e la dedizione dei fan di lunga data e la creatività di nuovi talenti continuano a mantenere viva la scena rock.


Cosa avete in serbo per il prossimo futuro?

La nostra intenzione è quella di ripetere l'esperienza con le stesse modalità delle ultime pubblicazioni, ovvero riproporre, rivisitandole, quelle canzoni scritte negli anni a cui siamo particolarmente legati: in quarant'anni di collaborazione i pezzi certo non ci mancano…

La musica suonata e prima di tutto il rock dal vivo funzionano più di altri generi...  e oggi si fanno tanti concerti. Per cui il rock ha un gran bel futuro... o no?

Il futuro del rock come genere dipenderà dalla sua capacità di rimanere rilevante nel panorama musicale in continua evoluzione. Con una solida base di fan, un'esperienza unica offerta dai concerti e l'innovazione artistica, il rock può continuare a prosperare e ad avere un impatto significativo sulla musica e sulla cultura.

Come mai avete scelto come nome Sense of Sin, ovvero Senso del Peccato?

Sense of Sin è un nome che vuole catturare l'ambiguità delle emozioni umane e la dualità presente in ognuno di noi. Nelle nostre composizioni abbiamo sempre cercato di trasmettere un senso di intensità emotiva e di profondità, affrontando temi come l'amore, la perdita, la passione e la lotta interiore.

Ci sono spiragli per un vero e tangibile risveglio "artistico" dell'Italia dopo gli anni della pandemia?

Eventi come la pandemia, il cambiamento climatico, la guerra con la sua corsa al riarmo mondiale ci stanno privando della speranza sul futuro che era ancora presente in tutto il periodo in cui il rock, come fenomeno musicale, ha influenzato stili di vita, impegno sociale, produzioni artistiche. All'estero come in Italia è perciò diventato importante valorizzare ciò che ci permette di ricordare e che non si non vuole perdere, sfruttando anche le evoluzioni tecnologiche e le nuove realtà digitali.

Cosa è migliorato e cosa invece è rimasto uguale nei locali italiani dopo lo stop dovuto alla pandemia?

Dopo lo stop dovuto alla pandemia, le persone hanno espresso la loro voglia di riprendersi la vita e i locali hanno un'importanza fondamentale nella ripresa alla socializzazione.  Ma non sono il più adatto a rispondere a una domanda del genere… frequentiamo sempre gli stessi posti e lì non è cambiato un granchè.


Sense of Sin: arriva "Where The End Starts" (Jaywork Music Group)
https://open.spotify.com/track/4brubvVuvM05aIDpPhSg2o?si=aa94ebab9583443e

Post popolari in questo blog

BadVice Dj, "I Need a Miracle": il remix a favore dell'UNICEF esce il 5 giugno

BadVice Dj, "I Need a Miracle": il remix a favore dell'UNICEF esce il 5 giugno  Il dj producer veneziano Alvise Catullo, 31 anni, al mixer BadVice Dj, sta crescendo a livello internazionale. La sua "Make it Last" l'ha interpretata Chris Willis, uno che spesso collabora con David Guetta, mentre per "Bam Bam" ha collaborato con il celeberrimo rapper americano Flo Rida. mentre il suo più recente singolo, una scatenata cover di "Larger than Life" dei Backstreet Boys rappresenta bene il suo stile musicale.  Il 5 giugno 2020 esce un suo remix benefico, le cui royalties saranno interamente a favore dell'UNICEF, l'organizzazione dell'ONU che aiuta i bimbi in difficoltà. Il brano è "I Need a Miracle", il più grande successo di Tara McDonald. Tara Mcdonald è davvero un personaggio di punta nell'ambito della musica dance e non solo. Oltre a tanti successi pubblicati con il suo nome, ha interpretato "Delirious" per

Elita lista dei dj

Atom TM ::  http://www.myspace.com/atomtm Ashley Beedle ::  http://www.myspace.com/ashleybeedle Bonaparte ::  http://www.myspace.com/bonaparte Bosconi Soundsystem feat: Mass_Prod, Rufus, The Clover :: http://www.myspace.com/bosconirecords Byetone ::  http://www.myspace.com/benderbyetone Chapelier Fou ::  http://www.myspace.com/chapelierfou Crystal Antlers ::  http://www.myspace.com/crystalantlers Metro Area feat. Dashran Jehsrani :: http://www.myspace.com/metroarea Deian ::  http://www.myspace.com/deiansong Dixon ::  http://www.myspace.com/justdixon Frivolous ::  http://www.myspace.com/frivolouslive Frost ::  http://www.myspace.com/frostnorway Gonzales ::  http://www.myspace.com/gonzpiration Italian Laptop Orchestra feat. Alessio Bertallot  Jimmy Edgar ::  http://www.myspace.com/colorstrip Jon Hopkins ::  http://www.myspace.com/jonhopkins Le Luci della Centrale Elettrica Loco Dice ::  http://www.myspace.com/locodice Martin Buttrich ::  http://www.myspace.com/martinbuttrich Memory9 :: 

Benny Càmaro: "Hold Me Down" (Jango Music) piace a Daddy's Groove, Judge Jules e altri top dj... Su Ego Music "Incomplete" con Gian Nobilee & GLDN

Benny Càmaro: "Hold Me Down" (Jango Music) piace a Daddy's Groove, Judge Jules e altri top dj... Su Ego Music "Incomplete" con Gian Nobilee & GLDN E' un inverno esplosivo per il dj producer italiano Benny Càmaro. Esiste, ormai, tra lui e un mito clubbing mondiale come l'americano Robbie Rivera, uno scambio piuttosto fitto, tra remix e collaborazioni. Benny, di recente ha remixato  "Without You feat. Crystal Waters" di Rivera. E quest'ultimo, in seguito, ha messo le mani, dando ancora più tiro e forza, sul singolo "Hold Me Down" dello stesso Camaro, già disponibile su etichetta Jango Music (trovate, alla fine, i link per ascoltarlo). Tra i tanti i tanti dj che nel mondo supportano la solida versione di Rivera bisogna citare Judge Jules, gli italiani Daddy's Groove, Mendo, Outwork, Angelo Frezza, e, chiaramente, lo stesso Camaro.   A conferma di un momento prolifico, arriva anche, su Ego Music, nota label dance italiana, &qu