Passa ai contenuti principali

Pink Coffee, Karl8 & Andrea Monta ci raccontano "Another Brick in the Wall remix” e tutto il loro sound

Pink Coffee, Karl8 & Andrea Monta ci raccontano "Another Brick in the Wall remix" e tutto il loro sound

Abbiamo incontrato Karl8 & Andrea Monta, che ci hanno raccontato il loro nuovo singolo ovvero "Another Brick in the Wall remix".  Ci racontate brevemente chi siete? 

DJ e Producer sin dallo scorso millennio, oltre 80 release all'attivo, da 6 anni ci siamo trasferiti a Mallorca e suoniamo nei migliori locali dell'isola, Nikki Beach, Tito's solo per citare i più recenti.  Ma la cosa che ci diverte di più sono i party privati nelle ville disseminate sull'isola

Che musica proponete nei vostri dj set e nelle vostre produzioni? 
 
Nei nostri set spaziamo attraverso molti generi, generalmente house, si va dalla deep alla tech-house, ultimamente ci piacciono molto le sonorità melodic e afro house.  Ci piace riproporre tracce storiche, sia club che pop, e dargli una nuova interpretazione.  Ormai è stato rifatto (quasi) tutto, ma facciamo molta ricerca, questo soprattutto per avere dei set originali per i party che spesso sono a tema, e quindi cogliamo l'occasione per 
trovare una chiave comune tra le richieste dei clienti e le nostre proposte. Quando non troviamo una versione che ci piace... la facciamo, è così che nascono molte delle nostre produzioni. 

Stai lavorando a nuove produzioni oppure cosa stai facendo a livello musicale?

Come richiede il mercato dello streaming siamo super attivi e usciamo quasi ogni mese con una produzione nuova, con un remix o una collaborazione.  Pubblicheremo sia sia tracce melodic techno, sia tracce dance pop più "streaming friendly".  Il calendario delle release è piuttosto serrato per i prossimi mesi, tanto che una delle cose più complicate sembra essere quello di incastrare le date delle uscite per evitare di sovrapporsi. C'è molto traffico sulle piattaforme!

Quali saranno secondo te le tendenze musicali nel 2023 e in futuro?

Nei club a livello globale crediamo che Afro, Melodic Techno e Future Rave si imporranno durante l'anno.  Qui a Mallorca è un pò diverso, il pubblico è diviso in due: quello dei beach club, dove si suona principalmente deep e afro house e quello notturno dei piccoli club sul paseo di Palma, dove reggaeton e cumbia tengono il punto, impossibile non sentirli. Oh my God, ovvero Oh mio Dio, come dicono gli inglesi!

Con che tipo di realtà o artisti collaborate? 

 La musica è un linguaggio universale, sull'isola vivono tantissimi artisti di ogni parte del mondo con i quali collaboriamo, la tecnologia poi aiuta a ridurre le distanze e quindi capita di lavorare anche a distanza con una cantante a Miami o con un musicista finlandese
Quando stiamo lavorando ad un brano, pensiamo subito con chi ci piacerebbe svilupparlo, è come completare un puzzle. Ovviamente il tutto va poi finalizzato, ma a questo ci pensano le etichette, major o indie, importante che sposino l'idea e ci credano fino in fondo, promuovere una release in un mercato super affollato è sempre più complicato. 

C'è spazio lavorativo per chi vuole occuparsi di musica come produttore?

 Lo spazio c'è, il mercato continua a crescere e questo genera delle dinamiche economiche positive. Le piattaforme di streaming hanno un pò settorializzato il lavoro per generi, in passato era meno complicato spaziare tra diversi generi musicali. Adesso è tutto molto schematico, analizzato e gestito da algoritmi, ma il fermento del mercato si avverte, c'è molta richiesta di produzioni di livello.

Che consigli dareste ad un giovane producer / dj che sogna di vivere di musica dance in senso lato (dalla pop dance ai generi più underground)?

Ai giovani produttori l'unico consiglio che ci sentiamo di fare è: fate le cose che vi piacciono, senza seguire i trend, il sound del momento. Altrimenti diventa un lavoro e sparisce la magia.


Post popolari in questo blog

BadVice Dj, "I Need a Miracle": il remix a favore dell'UNICEF esce il 5 giugno

BadVice Dj, "I Need a Miracle": il remix a favore dell'UNICEF esce il 5 giugno  Il dj producer veneziano Alvise Catullo, 31 anni, al mixer BadVice Dj, sta crescendo a livello internazionale. La sua "Make it Last" l'ha interpretata Chris Willis, uno che spesso collabora con David Guetta, mentre per "Bam Bam" ha collaborato con il celeberrimo rapper americano Flo Rida. mentre il suo più recente singolo, una scatenata cover di "Larger than Life" dei Backstreet Boys rappresenta bene il suo stile musicale.  Il 5 giugno 2020 esce un suo remix benefico, le cui royalties saranno interamente a favore dell'UNICEF, l'organizzazione dell'ONU che aiuta i bimbi in difficoltà. Il brano è "I Need a Miracle", il più grande successo di Tara McDonald. Tara Mcdonald è davvero un personaggio di punta nell'ambito della musica dance e non solo. Oltre a tanti successi pubblicati con il suo nome, ha interpretato "Delirious" per

Benny Càmaro: "Hold Me Down" (Jango Music) piace a Daddy's Groove, Judge Jules e altri top dj... Su Ego Music "Incomplete" con Gian Nobilee & GLDN

Benny Càmaro: "Hold Me Down" (Jango Music) piace a Daddy's Groove, Judge Jules e altri top dj... Su Ego Music "Incomplete" con Gian Nobilee & GLDN E' un inverno esplosivo per il dj producer italiano Benny Càmaro. Esiste, ormai, tra lui e un mito clubbing mondiale come l'americano Robbie Rivera, uno scambio piuttosto fitto, tra remix e collaborazioni. Benny, di recente ha remixato  "Without You feat. Crystal Waters" di Rivera. E quest'ultimo, in seguito, ha messo le mani, dando ancora più tiro e forza, sul singolo "Hold Me Down" dello stesso Camaro, già disponibile su etichetta Jango Music (trovate, alla fine, i link per ascoltarlo). Tra i tanti i tanti dj che nel mondo supportano la solida versione di Rivera bisogna citare Judge Jules, gli italiani Daddy's Groove, Mendo, Outwork, Angelo Frezza, e, chiaramente, lo stesso Camaro.   A conferma di un momento prolifico, arriva anche, su Ego Music, nota label dance italiana, &qu

Ristorante Cost - Milano: 1/11Brasil, Brunch Carioca

Ristorante Cost - Milano: 1/11Brasil, Brunch Carioca Domenica 1 novembre, dalle 12 alle alle 18, in sicurezza e seguendo le normative in vigore, al Ristorante Cost di Milano, in zona Porta Nuova, torna Brasil.  Questa volta la formula è quella del brunch. Come dice lo slogan, "Brasil, Toda joia toda beleza" è un appuntamento da vivere con gli amici. Brasili è un brunch con un menù tipico brasiliano (tra i piatti escondinho de carne trita, fejoada, arroz...) e sonorità che spaziano tra bossanova, funk e samba.  Ristorante Cost, come dice il nome del locale, è prima di tutto un ristorante in cui è sempre possibile cenare scegliendo tra i mille piatti della carta, oppure chi lo desidera può lasciarsi trasportare dal menu guidato. Mentre si mangia, ci si gode un live show coinvolgente da cantare insieme e poi musica da ascoltare con gli amici, per emozionarsi... il segreto del successo di Ristorante Cost è tutto qui. E non è affatto facile da replicare altrove, anche per l'ec