Passa ai contenuti principali

Chiara Montanari, ingegnere e prima italiana a capo di una spedizione al Polo Sud, a Spazio Teatro No’hma - Milano



Natura e scienza saranno protagoniste del secondo appuntamento della Stagione "Tutti insieme possiamo" di No'hma, per trasportarci fino ai limiti estremi della terra, in Antartide. È infatti Antartide. Un inverno particolare, lo spettacolo che il 18 e 19 gennaioprossimi vedrà sul palco di via Orcagna Chiara Montanari, ingegnere e prima italiana a capo di una spedizione al Polo Sud, raccontare al pubblico di No'hma le difficoltà e gli imprevisti - ma anche le meraviglie - di queste missioni scientifiche che spingono la capacità di adattamento umana oltre ogni confine.

 

Chiara Montanari è prima di tutto un'appassionata di viaggio, ma di professione è un'esploratrice scientifica con all'attivo quindici anni nell'organizzazione e gestione di missioni polari presso le basi di ricerca internazionali più remote del pianeta. Chiara renderà partecipe il pubblico di No'hma delle straordinarie esperienze collezionate nel corso di questi anni, e delle continue sfide che nascono dalla gestione di un team nel contesto imprevedibile di un ambiente totalmente "altro" e inospitale. Faranno parte del cast anche l'attrice Patrizia Aroldi, che darà voce ai brani tratti dal libro della Montanari "Cronache dai ghiacci" (Mondadori, 2015), e il chitarrista Matteo Giudici, che contribuirà a suggerire le terribili e insieme magnifiche atmosfere del grande deserto di ghiaccio che si estende all'estremo sud del mondo. 

 

Con Antartide No'hma conferma la sua costante attenzione ai temi dell'ambiente e del rapporto uomo-natura, sempre pensato come una relazione basata sul rispetto e di un meravigliato stupore umano di fronte alla potenza e alla maestosità della natura. Un rapporto da cui l'uomo ha molto da imparare, se è vero che, come afferma Chiara quando parla delle sue missioni, «l'Antartide ci travolge con una incertezza permanente, la stessa che ci fa vedere il legame tra la creatività e la resilienza, quella straordinaria capacità umana di trasformare anche le situazioni più critiche in positività». 

 

Il tema ambientale va naturalmente di pari passo con quello della sostenibilità, nei cui confronti No'hma ha dimostrato sin dalla proprie origini una spiccata sensibilità - anche in virtù della Cattedra Unesco "Food Systems for Sustainable Development and Social Inclusion" ricoperta proprio dalla Presidente del Teatro; e infatti, mercoledì 25 e giovedì 26 gennaio saranno ospiti del Premio Internazionale dedicato a Teresa Pomodoro i giovani musicisti olandesi del gruppo XTRO, che usano come strumenti materiali di recupero per dimostrare che gli oggetti destinati ad essere buttati via possono essere utilizzati per uno scopo diverso, aumentando consapevolezza sul problema dell'inquinamento.

 

L'ingresso sarà come sempre gratuito e lo spettacolo sarà trasmesso in diretta streaming. La prenotazione è obbligatoria ed effettuabile tramite il sito Eventbrite, oppure mandando una mail a nohma@nohma.it o chiamando il numero 02/45.48.50.85






Post popolari in questo blog

BadVice Dj, "I Need a Miracle": il remix a favore dell'UNICEF esce il 5 giugno

BadVice Dj, "I Need a Miracle": il remix a favore dell'UNICEF esce il 5 giugno  Il dj producer veneziano Alvise Catullo, 31 anni, al mixer BadVice Dj, sta crescendo a livello internazionale. La sua "Make it Last" l'ha interpretata Chris Willis, uno che spesso collabora con David Guetta, mentre per "Bam Bam" ha collaborato con il celeberrimo rapper americano Flo Rida. mentre il suo più recente singolo, una scatenata cover di "Larger than Life" dei Backstreet Boys rappresenta bene il suo stile musicale.  Il 5 giugno 2020 esce un suo remix benefico, le cui royalties saranno interamente a favore dell'UNICEF, l'organizzazione dell'ONU che aiuta i bimbi in difficoltà. Il brano è "I Need a Miracle", il più grande successo di Tara McDonald. Tara Mcdonald è davvero un personaggio di punta nell'ambito della musica dance e non solo. Oltre a tanti successi pubblicati con il suo nome, ha interpretato "Delirious" per

Benny Càmaro: "Hold Me Down" (Jango Music) piace a Daddy's Groove, Judge Jules e altri top dj... Su Ego Music "Incomplete" con Gian Nobilee & GLDN

Benny Càmaro: "Hold Me Down" (Jango Music) piace a Daddy's Groove, Judge Jules e altri top dj... Su Ego Music "Incomplete" con Gian Nobilee & GLDN E' un inverno esplosivo per il dj producer italiano Benny Càmaro. Esiste, ormai, tra lui e un mito clubbing mondiale come l'americano Robbie Rivera, uno scambio piuttosto fitto, tra remix e collaborazioni. Benny, di recente ha remixato  "Without You feat. Crystal Waters" di Rivera. E quest'ultimo, in seguito, ha messo le mani, dando ancora più tiro e forza, sul singolo "Hold Me Down" dello stesso Camaro, già disponibile su etichetta Jango Music (trovate, alla fine, i link per ascoltarlo). Tra i tanti i tanti dj che nel mondo supportano la solida versione di Rivera bisogna citare Judge Jules, gli italiani Daddy's Groove, Mendo, Outwork, Angelo Frezza, e, chiaramente, lo stesso Camaro.   A conferma di un momento prolifico, arriva anche, su Ego Music, nota label dance italiana, &qu

Ristorante Cost - Milano: 1/11Brasil, Brunch Carioca

Ristorante Cost - Milano: 1/11Brasil, Brunch Carioca Domenica 1 novembre, dalle 12 alle alle 18, in sicurezza e seguendo le normative in vigore, al Ristorante Cost di Milano, in zona Porta Nuova, torna Brasil.  Questa volta la formula è quella del brunch. Come dice lo slogan, "Brasil, Toda joia toda beleza" è un appuntamento da vivere con gli amici. Brasili è un brunch con un menù tipico brasiliano (tra i piatti escondinho de carne trita, fejoada, arroz...) e sonorità che spaziano tra bossanova, funk e samba.  Ristorante Cost, come dice il nome del locale, è prima di tutto un ristorante in cui è sempre possibile cenare scegliendo tra i mille piatti della carta, oppure chi lo desidera può lasciarsi trasportare dal menu guidato. Mentre si mangia, ci si gode un live show coinvolgente da cantare insieme e poi musica da ascoltare con gli amici, per emozionarsi... il segreto del successo di Ristorante Cost è tutto qui. E non è affatto facile da replicare altrove, anche per l'ec