Passa ai contenuti principali

Riccardo Manfrin: un dj regala emozioni e divertimento

Riccardo Manfrin: un dj regala emozioni e divertimento

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Riccardo Manfrin, dj 24enne che da tempo fa divertire ed emozionare il Garda con la sua musica. Originario di Desenzano, non ha ancora pubblicato musica sua, concentrandosi sulla sostanza del lavoro del dj, ovvero regalare sorrisi e ritmo nei locali di riferimento. Sta però pensando a come far sentire tutta la sua passione anche con un suo disco... E nel frattempo, anche in un periodo difficile come questo, fa sentire il suo sound ogni weekend e pure durante la settimana, in zona Garda e non solo. 


Come hai iniziato a fare il dj?

Tutto ebbe inizio tanto tempo fa, quando avevo solo 14 anni. Quello che ho con la musica è un legame fortissimo. Non ho fatto corsi, ma con l'aiuto di un amico dj più esperto, che ringrazierò sempre, sono riuscito ad imparare moltissimo. Poi, pian piano, mi sono procurato l'attrezzatura professionale e ho iniziato a farmi sentire.


Che rapporto hai con la musica quando non lavori?

In realtà fare il dj vuol dire lavorare con la musica in ogni momento o quasi. Sono sempre alla ricerca di nuovi brani da inserire nelle mie serate. Ogni giorno cerco di ascoltare diverse radio, per capire quali sono le vere hit del momento. Tra gli artisti che mi hanno segnato di più, ci sono Lady Gaga, Madonna, Beyoncé, che ho iniziato ad amare proprio grazie alla radio. Sulle piattaforme digitali invece ascolto di solito house, oltre ai singoli del momento. Un questo periodo, ad esempio, la musica Blanco e tanti altri. 


La tua prima volta in console?

Come tutti o quasi ho iniziato ad una festa di amici. Pian piano ho iniziato ad essere conosciuto per il mio sound. Poi sono arrivati i bar e i disco bar e infine i club di riferimento nella zona. L'emozione, per un dj, resta sempre la stessa, sempre. Se non c'è emozione, è giusto cambiare lavoro e sinceramente quel momento per me è lontano anni luce.


Se tu dovessi raccontare a qualcuno la tua musica, come la racconteresti a parole? 

Propongo house commerciale, ma se dovessi davvero definire il mio sound lo definirei semplicemente dicendo divertimento. Questa bellissima parola racchiude tante cose che mi stanno a cuore: le persone che ballano, cantano, si abbracciano o saltano senza pensieri. E' una sensazione bellissima!


Che tipo di dj sei? 

Cerco sempre di 'leggere' la situazione, ovvero sia la location sia il tipo di pubblico, proponendo una selezione originale. Ad esempio, inserisco qualche brano reggaeton: mesi fa era il sound del momento, ma forse oggi è un po' in calo... In questo difficile periodo in cui non si può far ballare ho poi dovuto adattarmi non poco. Non è facile trattenere la propria energia. 


Qual è la cosa più bella di fare il dj? E la più brutta? 

La cosa più bella del fare il dj è vedere la gente ballare e cantare la musica che suono. Solo in quei momenti capisco che sto facendo la cosa giusta, che stiamo tutti insieme vivendo un momento magico. Le foto e i video che le persone spesso vogliono fare con me contano, non per vanità, ma perché la musica regala a tutti magia che dura nel ricordo.  La cosa più brutta del fare il dj è invece la poca considerazione di questo lavoro che troppi hanno. Fare il dj sembra facile, ma non è certo solo mettere due canzoni a tempo durante la serata. Dietro c'è un lavoro nascosto di preparazione e selezione musicale che troppo spesso non viene capito.


E' un momento difficilissimo per chi vive di musica. Tu come lo stai passando? E come vedi il futuro dei locali? 

Sono davvero fortunato. Anche nei momenti più difficili c'è sempre stata richiesta nei miei confronti da parte dei gestori dei locali. Per quel che riguarda il futuro di questi spazi, molti di essi in questo periodo si sono adattati in mille modi per ripartire. I club più conosciuti saranno quelli che sentiranno meno la difficoltà e potremo tutti insieme ritrovarci a ballare lì. Altri locali meno noti, anche quando ben gestiti, saranno costretti invece a chiudere.


C'è qualche dj che stimi in modo particolare? 

In 10 anni di lavoro, ho avuto modo di conoscere tanti dj, anche internazionali. Con Cristian Marchi in particolare, c'è una vera amicizia, un forte legame. Nel momento del bisogno, quando ho qualche dubbio, sa sempre darmi il consiglio giusto. Quando viene a suonare nei club in zona Garda, ci troviamo sempre per fare due parole.




/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///


Post popolari in questo blog

Samuele Sartini fa ballare Palermo... e la sua "Love You Seek 2k18 Rework" spinge forte

Samuele Sartini fa ballare Palermo... e la sua "Love You Seek 2k18 Rework" spinge forte Il nuovo anno per il dj producer italiano Samuele Sartini è iniziato sotto i migliori auspici. Il suo nuovo singolo "Love You Seek", un rework 2018 di un brano che oggi valorizza ancora di più la voce splendida di Amanda Wilson, va alla grande. Per presentarlo Samuele è stato ospite a Radio 105, a m2o, a Radio Studio Più e in tante altre situazioni...  "Love You Seek 2k18 Rework" è pure stato utilizzato spesso in tv (Verissimo su Canale 5, etc) ed è top tune of the week 4/2018 di 105 in da Klubb. E non è tutto: ogni settimana da fine gennaio sarà guest pure special guest due volte al mese una radio internazionale importante, Revolution 93.5 FM, che trasmette da Miami.  Il 3 febbraio, infine, Samuele Sartini torna a far ballare la Sicilia. Infatti è dj guest del Carnival Chic Party dello storico Country Club di Palermo, disco in cui si esibisce per la prima volta con il

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce LA MILANESIANA, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, in collaborazione con Spazio Teatro No'hma Teresa Pomodoro, presenta una serata dedicata al gigante della letteratura JAMES JOYCE, nell'anno in cui il romanzo "Ulisse" festeggia i 100 anni dalla prima edizione integrale, il 10 luglio allo Spazio Teatro No'hma di Milano (via Orcagna, 2). L'appuntamento si apre con l'introduzione di Elisabetta Sgarbi e il prologo dell'autrice e esperta di letteratura contemporanea Giuliana Bendelli. Segue lo spettacolo di e con Mauro Covacich  (nella foto),"Joyce", a cura di Massimo Navone, produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Partendo da un approccio autobiografico, Covacich metterà in luce i tratti umani ed artistici di quello che può essere considerato il primo scrittore performer, un uomo che ha subito quindici operazioni agli occhi e ha dato vita

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per "Strike It Up" e il remix di "Into The Groove"

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per  "Strike It Up" e il remix di  "Into The Groove" Mitch B. , dj producer italiano spesso attivo anche all'estero, anche in questo periodo difficile, continua a produrre musica che raccoglie ottimi risultati in tutto il mondo. La sua "Strike It Up", prodotta con Meters Follow e pubblicata su Jango Music, è attualmente al 14esimo posto della Beatport Hype House Chart. "Strike It Up" è una cover del classico dei Black Box. "E' un forte connubio di piano e groove per creare pura musica House" , racconta Mich B. "E' una canzone fresca, perfetta per ogni primavera" -  Inoltre, il remix che ha realizzato con Gary Caos e Zen di "Into The Groove", prodotta da Joe Vinyle e Relight Orchestra, è al 93esimo posto della Beatport Funky Groove Jackin House Chart.  Mitch B.: photo hi res, media info  http://lorenzotiezzi.it/mitch-b-dj/ Meters Follow ,  MITCH B. DJ  - Strike It Up