Passa ai contenuti principali

Oltre 250 morti per overdose in Italia nel 2018... ma i media raccontano solo la tragedia della discoteca Jaiss di Vinci (FI)


Oltre 250 morti per overdose in Italia nel 2018... ma i media raccontano solo la tragedia della discoteca Jaiss di Vinci (FI)


Il problema di come i media trattano le discoteche, luogo simbolo del divertimento giovanile, c'è. Sia chiaro, non c'è per le discoteche. Chi le frequenta i media 'seri' non li segue più. Il problema è prima di tutto dei media "seri", che sembrano ormai attivi solo nel rivolgersi ai loro lettori / utilizzatori / ascoltatori, tutti over 30, spesso over 50.

C'è ormai una distanza abissale tra ragazzi e informazione, che non racconta cosa fanno, come vivono, se per le paure spesso folli di chi giovane non è più, se non quasi sempre per tragedie che non rappresentano la realtà. 

Andiamo con ordine. Gli incidenti "del sabato sera" non esistono. Sulle strade si muore h24, soprattutto muoiono gli adulti. Qualche giorno fa ho fatto una analisi precisa dei dati Istat sugli incidenti stradali (è disponibile qui: bit.ly/2ms6NHY): ogni giorno muoiono 9 persone sulle strade in Italia. Se una notte muoiono 2 o 5 ragazzi "dopo la discoteca", non è, purtroppo, una notizia. Si muore di mattina e di pomeriggio, soprattutto con il buio, non di notte (dati Istat).


E in discoteca la droga quasi non c'è. Lo dicono i numeri sulle morti per droga. Ma se una singola tragedia coinvolge una ragazza in una discoteca toscana (il Jaiss di Vinci - Firenze), la notizia domenica 20 ottobre entra in tutti i tg. E' una tragedia, sia chiaro, ma ce ne sono di più grandi numericamente. Ad esempio i mai abbastanza raccontati immani problemi degli adulti con il gioco d'azzardo online le macchinette mangiasoldi (slot machine): gli italiani hanno spesso 106 miliardi in tre anni (dati ADM). 


Ma cosa fa il Corriere della Sera venerdì 18 ottobre, qualche giorno prima? Lascia una pagina a Susanna Tamaro che, dall'alto della sua distanza abissale e non conoscenza dei problemi dei ragazzi, inizia la sua pagina intera legando discoteche, eccessi, incidenti... sembra di essere fermi agli anni  '80 - '90 e e alle mitiche "mamme antirock".

La realtà delle morti per droga in Italia è un'altra: nel 2018 in Italia ci sono state 253 morti per overdose, di cui 167 per eroina (che nulla ha a che fare con i locali) e solo 9 per mix di alcol e droghe (dati Geoverdose.it). E l'età media dei decessi è alta: 38 anni e mezzo.

Dopo il terribile episodio della Lanterna Azzurra di Corinaldo (6 morti dopo che alcuni criminali hanno creato il panico usando spray al peperoncino in un locale probabilmente troppo affollato), tutte le discoteche italiane sono diventate l'inferno. Sono diventate causa di ogni male possibile.


Il coro stonato dei media in ambito giovanile continua. Si parla dei ragazzi solo quando ci sono problemi di ordine pubblico o tragedie, come se del calcio si parlasse solo quando ci scappa il morto negli scontri tra tifosi. 


C'è anche un banale motivo tecnico che chi non lavora con i media stenta a capire: le consuete "stragi del sabato sera" in discoteca avvengono in ore strategiche. Di sabato i politici parlano poco, di domenica riposano, per cui le pagine di giornale, i minuti di TG da riempire e i click da fare online sono di più con meno contenuti. Ovviamente nel weekend anche i giornalisti non sono tutti al lavoro. E allora perché non concentrarsi sui soliti incidenti stradali o rare tragedie che colpiscono tutti, perché la morte di un ragazzo fa male a tutti gli adulti? Il giornalista che sa lavorare colpisce dove sa di 'far male'.


La terribile conseguenza, detto da uno che a 16 anni leggeva e rileggeva Repubblica ogni giorno (lo comprava e lo compra ancora il mio babbo), è che i ragazzi i media li usano pochissimo. Perché conoscono la loro realtà. E' un male perché è solo leggendo e rileggendo che si capisce davvero, rielaborando le informazioni. 


Chi ha oggi 16 - 25 anni ha un grande problema mai raccontato: le prospettive per il futuro sono difficilissime. O vinci X Factor o fa l'influencer sennò come fai a campare? Il lavoro è pochissimo, la crisi non molla (...). Di questo, ovviamente, non scrive nessuno, perché le soluzioni sono poche e il lavoro da fare immane. Raccontare amenità invece lava la coscienza ed è facilissimo.


Lorenzo Tiezzi X AllaDiscoteca





/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici stop (decreto legislativo n. 196/2003) ///


Post popolari in questo blog

Samuele Sartini fa ballare Palermo... e la sua "Love You Seek 2k18 Rework" spinge forte

Samuele Sartini fa ballare Palermo... e la sua "Love You Seek 2k18 Rework" spinge forte Il nuovo anno per il dj producer italiano Samuele Sartini è iniziato sotto i migliori auspici. Il suo nuovo singolo "Love You Seek", un rework 2018 di un brano che oggi valorizza ancora di più la voce splendida di Amanda Wilson, va alla grande. Per presentarlo Samuele è stato ospite a Radio 105, a m2o, a Radio Studio Più e in tante altre situazioni...  "Love You Seek 2k18 Rework" è pure stato utilizzato spesso in tv (Verissimo su Canale 5, etc) ed è top tune of the week 4/2018 di 105 in da Klubb. E non è tutto: ogni settimana da fine gennaio sarà guest pure special guest due volte al mese una radio internazionale importante, Revolution 93.5 FM, che trasmette da Miami.  Il 3 febbraio, infine, Samuele Sartini torna a far ballare la Sicilia. Infatti è dj guest del Carnival Chic Party dello storico Country Club di Palermo, disco in cui si esibisce per la prima volta con il

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce LA MILANESIANA, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, in collaborazione con Spazio Teatro No'hma Teresa Pomodoro, presenta una serata dedicata al gigante della letteratura JAMES JOYCE, nell'anno in cui il romanzo "Ulisse" festeggia i 100 anni dalla prima edizione integrale, il 10 luglio allo Spazio Teatro No'hma di Milano (via Orcagna, 2). L'appuntamento si apre con l'introduzione di Elisabetta Sgarbi e il prologo dell'autrice e esperta di letteratura contemporanea Giuliana Bendelli. Segue lo spettacolo di e con Mauro Covacich  (nella foto),"Joyce", a cura di Massimo Navone, produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Partendo da un approccio autobiografico, Covacich metterà in luce i tratti umani ed artistici di quello che può essere considerato il primo scrittore performer, un uomo che ha subito quindici operazioni agli occhi e ha dato vita

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per "Strike It Up" e il remix di "Into The Groove"

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per  "Strike It Up" e il remix di  "Into The Groove" Mitch B. , dj producer italiano spesso attivo anche all'estero, anche in questo periodo difficile, continua a produrre musica che raccoglie ottimi risultati in tutto il mondo. La sua "Strike It Up", prodotta con Meters Follow e pubblicata su Jango Music, è attualmente al 14esimo posto della Beatport Hype House Chart. "Strike It Up" è una cover del classico dei Black Box. "E' un forte connubio di piano e groove per creare pura musica House" , racconta Mich B. "E' una canzone fresca, perfetta per ogni primavera" -  Inoltre, il remix che ha realizzato con Gary Caos e Zen di "Into The Groove", prodotta da Joe Vinyle e Relight Orchestra, è al 93esimo posto della Beatport Funky Groove Jackin House Chart.  Mitch B.: photo hi res, media info  http://lorenzotiezzi.it/mitch-b-dj/ Meters Follow ,  MITCH B. DJ  - Strike It Up