Passa ai contenuti principali

Death: reconversion, le foto Greta Valentina Galimberti in mostra a Milano fino al 20 ottobre 2019

Death: reconversion, le foto Greta Valentina Galimberti in mostra a Milano fino al 20 

ottobre 2019

La nascita del progetto Death: reconversion - il racconto/intervista

 

Mi chiamo Greta Valentina Galimberti, sono una fotografa di reportage e ritratto che vive e lavora a Milano. Quando ho iniziato a fare fotografia non pensavo che un giorno mi sarei trovata a vivere un'esperienza così emozionante nel mio lavoro, un'esperienza che ha aperto un mondo di possibilità che si sono concretizzate in un progetto a lungo termine che mi sta molto a cuore.
Tutto è iniziato un giorno di fine estate dello scorso anno, quando una delle mie più grandi amiche, che preferisce restare anonima e che, per la sua estrema bellezza e sensibilità, chiamerò da adesso Giglio Tigrato, mi ha telefonato mentre guidavo e, con la voce nell'abitacolo amplificata dal vivavoce, mi ha comunicato di dovermi dire una cosa. "Sei seduta?mi ha chiesto. "Beh, sì, sono in macchina", ho risposto. "Allora fermati subito e ascoltami"
Quello che mi doveva dire era che le avevano trovato un teratoma all'utero. I pochi mesi successivi, così come quella telefonata, sono passati in una sorta di ovattamento, fino alla comunicazione finale: l'operazione che Giglio Tigrato aveva dovuto subire era andata a meraviglia e il teratoma era stato rimosso, ma insieme a esso avevano dovuto rimuovere anche l'ovaio che aveva inglobato, fortunatamente uno solo. 
Da quel momento il suo corpo ha cambiato forma, diventando se possibile ancora più bello di prima; le cicatrici che ora fanno parte di lei erano davvero poco evidenti, purtroppo a tutti tranne che a Giglio Tigrato stessa, che invece le vedeva e che soffriva. Non si riconosceva più, aveva perso una parte di sé profondamente legata alla femminilità e questo la faceva sentire inadeguata. È stato poco dopo Natale che Giglio Tigrato mi ha fatto la richiesta che ha cambiato per sempre il mio lavoro e il nostro rapporto di amicizia: "Aiutami a trasformare queste cicatrici in arte".
E invece abbiamo trasformato lei stessa in arte. Il lavoro che abbiamo svolto insieme è stato il più emozionante delle nostre vite. Io dietro la macchina fotografica, lei davanti, entrambe a nudo nelle emozioni, nell'animo e nell'azione artistica che stavamo andando a creare per lei. 
Grazie a queste foto Giglio Tigrato, della quale mi faccio portavoce, ha ritrovato la sua autostima, la sua forza e la graziosissima femminilità che ora la contraddistingue in modo ancora più evidente di prima. "Questo è stato il mio modo di affrontare l'espropriazione della mia femminilità, e me ne sono appropriata ancora di più. Adesso le cicatrici che prima mi ferivano mi sembrano bellissime. Ma queste foto non mi sono solo servite a questo, mi hanno dato anche modo di riappropriarmi della mia vita. Un teratoma, come qualsiasi tumore, parla di morte. Esorcizzare l'effetto dell'operazione con queste foto di nudo per me ha significato tornare alla vita".

 

Grazie alla mia amica Giglio Tigrato è nato il progetto fotografico a lungo termine "Death: Reconversion", IN MOSTRA DA NUDA E CRUDA IN VIA LEGNANO 18 DAL 16 AL 20 OTTOBRE, aperto a tutte le donne che abbiano subito un'alterazione fisica o psicologica tale da non permettere loro di riconoscersi, per dar loro l'opportunità, una volta pronte, di tornare ad apprezzare questa nuova versione di loro che le accompagnerà per tutta la vita, con l'intento - per dirla rielaborando le parole di Giglio Tigrato - di trasformare le donne in arte.



Post popolari in questo blog

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce LA MILANESIANA, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, in collaborazione con Spazio Teatro No'hma Teresa Pomodoro, presenta una serata dedicata al gigante della letteratura JAMES JOYCE, nell'anno in cui il romanzo "Ulisse" festeggia i 100 anni dalla prima edizione integrale, il 10 luglio allo Spazio Teatro No'hma di Milano (via Orcagna, 2). L'appuntamento si apre con l'introduzione di Elisabetta Sgarbi e il prologo dell'autrice e esperta di letteratura contemporanea Giuliana Bendelli. Segue lo spettacolo di e con Mauro Covacich  (nella foto),"Joyce", a cura di Massimo Navone, produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Partendo da un approccio autobiografico, Covacich metterà in luce i tratti umani ed artistici di quello che può essere considerato il primo scrittore performer, un uomo che ha subito quindici operazioni agli occhi e ha dato vita

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per "Strike It Up" e il remix di "Into The Groove"

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per  "Strike It Up" e il remix di  "Into The Groove" Mitch B. , dj producer italiano spesso attivo anche all'estero, anche in questo periodo difficile, continua a produrre musica che raccoglie ottimi risultati in tutto il mondo. La sua "Strike It Up", prodotta con Meters Follow e pubblicata su Jango Music, è attualmente al 14esimo posto della Beatport Hype House Chart. "Strike It Up" è una cover del classico dei Black Box. "E' un forte connubio di piano e groove per creare pura musica House" , racconta Mich B. "E' una canzone fresca, perfetta per ogni primavera" -  Inoltre, il remix che ha realizzato con Gary Caos e Zen di "Into The Groove", prodotta da Joe Vinyle e Relight Orchestra, è al 93esimo posto della Beatport Funky Groove Jackin House Chart.  Mitch B.: photo hi res, media info  http://lorenzotiezzi.it/mitch-b-dj/ Meters Follow ,  MITCH B. DJ  - Strike It Up

Broswave protagonisti della Spring Break Invasion in Croazia

Broswave protagonisti della Spring Break Invasion in Croazia  La partecipazione dei Broswave alla Spring Break Invasion, in Croazia, è stata una spettacolo da pelle d'oca. Il festival, tra i più attesi della primavera, si è tenuto ad Umago dal 22 al 25 aprile 2017. In uno dei video pubblicati su Facebook dal duo si vede Simone Pepe, batterista professionista perfezionatosi al CPM Music Institute di F. Mussida, far muovere a tempo dietro alla sua batteria elettronica migliaia di giovani che hanno partecipato all'evento. Il resto, come sempre, lo fa l'altrettanto scatenato Charlie Dee, dj d'esperienza ventennale e resident de La Capannina di Franceschi a Forte dei Marmi, anche a detta di Guinness World Records un locale che batte ogni record di longevità nel mondo. Sempre durante il loro spettacolare show / dj set, di scena nel mainstage della Spring Break Invasion, hanno proposto il riuscito mash-up "All Night Fires", che vede assieme le hit di Parov Stelar eTh