Passa ai contenuti principali

TOM HOOKER ospite alla FESTA DEL CINEMA DI ROMA per la proiezione di "DONS OF DISCO",

Gli anni '80 sono stati la golden age per la produzione musicale italiana destinata ai dancefloor internazionali: mai come in quegli anni, dagli studi di registrazione italiani uscivano progetti dance il cui sound elettronico unito a melodie orecchiabili e ballabili e a un cantato in inglese di facile presa riempivano le piste da ballo di tutta Europa e non solo.

Il fenomeno si è naturalmente esaurito con la crescita della musica house, ma il firmamento di quegli anni ha visto brillare alcune stelle i cui nomi si ricordano ancora a 30 anni di distanza.
Una di queste era addirittura una "stella binaria"… 

 

Parliamo di Tom Hooker, artista americano a cui dobbiamo alcuni tra i maggiori successi internazionali dell'epoca. Tom cantava ed era anche autore di questi brani, intendiamo quelli pubblicati a nome Tom Hooker e non solo: sua la voce ma anche la creazione di grandissimi successi in progetti in cui, come succedeva spesso a quei tempi, i front-man erano modelli la cui immagine veniva 'applicata' a progetti musicali prodotti in studio da altri. Ci sono infatti stati addirittura situazioni in cui all'interno della stessa cornice televisiva si succedevano sul palco due performance, una di Tom Hooker e la successiva sotto altri nomi ma con esattamente la stessa voce... 

Tutto questo era noto agli addetti ai lavori, ma veniva ovviamente taciuto al pubblico. 

 

Tom Hooker ha quindi vissuto molto intensamente e, segretamente, con un doppio riconoscimento quegli anni, sino al loro naturale esaurimento. Quando poi l'amore lo ha ricondotto negli Stati Uniti, ha scoperto una seconda vocazione divenendo in pochi anni un noto fotografo e visual artist sotto il nome di Thomas Barbey (sin dal matrimonio aveva infatti scelto di adottare il cognome di sua madre).

 

Ed è negli Stati Uniti che è stato avvicinato dal regista Jonathan Sutak, che ritrovati vecchi vinili dei più grandi successi dell'Italo Disco ha deciso di raccontare questa singolare scena artistica, con tutti i retroscena e gli "scandali" che ne hanno caratterizzato la breve ma intensa parabola, e non poteva quindi rinunciare a raccontare la storia, "doppia" di Tom Hooker, che ha incontrato, intervistato e ripreso nel corso dei suoi concerti americani.

 

Sì perché Thomas Barbey non ha certo cancellato Tom Hooker e la sua passione per la musica. Ritrovato il produttore dei suoi successi, Miki Chieregato, anch'egli ora negli Stati Uniti, ha ritrovato anche la voglia di scrivere e cantare: dopo un tour statunitense in cui sono stati riproposti tutti i maggiori successi composti e interpretati da Tom Hooker (Looking for loveHelp MeAtlantis e Feeling Okay ma anche Future Brain, Bad Boy, Charleston Don't Break My Heart) è infatti in uscita a novembre 2018 negli Stati Uniti l'album di inediti "Big Boys Don´t Cry".

 

La proiezione romana di DONS OF DISCO sarà per lui l'occasione di tornare per qualche giorno in quell'Italia di cui ha animato e riempito per tanti anni i dancefloor come un vero Boss della disco.

 


Lunedì 15 ottobre, ore 18 - Casa del Cinema (Largo Marcello Mastroianni, Roma)
DONS OF DISCO - Jonathan Sutak, Stati Uniti, 2018, 84'
Evento di pre-apertura della Festa del Cinema di Roma.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Post popolari in questo blog

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce

10/7 per La Milanesiana allo Spazio Teatro No'Hma - Milano una serata dedicata a Joyce LA MILANESIANA, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, in collaborazione con Spazio Teatro No'hma Teresa Pomodoro, presenta una serata dedicata al gigante della letteratura JAMES JOYCE, nell'anno in cui il romanzo "Ulisse" festeggia i 100 anni dalla prima edizione integrale, il 10 luglio allo Spazio Teatro No'hma di Milano (via Orcagna, 2). L'appuntamento si apre con l'introduzione di Elisabetta Sgarbi e il prologo dell'autrice e esperta di letteratura contemporanea Giuliana Bendelli. Segue lo spettacolo di e con Mauro Covacich  (nella foto),"Joyce", a cura di Massimo Navone, produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Partendo da un approccio autobiografico, Covacich metterà in luce i tratti umani ed artistici di quello che può essere considerato il primo scrittore performer, un uomo che ha subito quindici operazioni agli occhi e ha dato vita

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per "Strike It Up" e il remix di "Into The Groove"

Mitch B.: ottimi risultati su Beatport per  "Strike It Up" e il remix di  "Into The Groove" Mitch B. , dj producer italiano spesso attivo anche all'estero, anche in questo periodo difficile, continua a produrre musica che raccoglie ottimi risultati in tutto il mondo. La sua "Strike It Up", prodotta con Meters Follow e pubblicata su Jango Music, è attualmente al 14esimo posto della Beatport Hype House Chart. "Strike It Up" è una cover del classico dei Black Box. "E' un forte connubio di piano e groove per creare pura musica House" , racconta Mich B. "E' una canzone fresca, perfetta per ogni primavera" -  Inoltre, il remix che ha realizzato con Gary Caos e Zen di "Into The Groove", prodotta da Joe Vinyle e Relight Orchestra, è al 93esimo posto della Beatport Funky Groove Jackin House Chart.  Mitch B.: photo hi res, media info  http://lorenzotiezzi.it/mitch-b-dj/ Meters Follow ,  MITCH B. DJ  - Strike It Up

Broswave protagonisti della Spring Break Invasion in Croazia

Broswave protagonisti della Spring Break Invasion in Croazia  La partecipazione dei Broswave alla Spring Break Invasion, in Croazia, è stata una spettacolo da pelle d'oca. Il festival, tra i più attesi della primavera, si è tenuto ad Umago dal 22 al 25 aprile 2017. In uno dei video pubblicati su Facebook dal duo si vede Simone Pepe, batterista professionista perfezionatosi al CPM Music Institute di F. Mussida, far muovere a tempo dietro alla sua batteria elettronica migliaia di giovani che hanno partecipato all'evento. Il resto, come sempre, lo fa l'altrettanto scatenato Charlie Dee, dj d'esperienza ventennale e resident de La Capannina di Franceschi a Forte dei Marmi, anche a detta di Guinness World Records un locale che batte ogni record di longevità nel mondo. Sempre durante il loro spettacolare show / dj set, di scena nel mainstage della Spring Break Invasion, hanno proposto il riuscito mash-up "All Night Fires", che vede assieme le hit di Parov Stelar eTh